top of page

Roma scomunica per scisma l'arcivescovo Viganò

La sentenza pronunciata contro il prelato accusato sfida l'autorità di papa Francesco



L'arcivescovo statunitense Carlo Maria Viganò è stato dichiarato scomunicato per il reato di scisma.


Venerdì il Dicastero per la Dottrina della Fede (DDF) ha diffuso un comunicato stampa in cui annunciava che Viganò, che metteva in dubbio la legittimità di papa Francesco e l’autorità del Concilio Vaticano II, era stato “ritenuto colpevole del delitto riservato di scisma”. "


Il Congresso della DDF si è riunito il 4 luglio per concludere il processo penale extragiudiziale contro l'arcivescovo e ha dichiarato la scomunica latae sententiae ai sensi del canone 1364 § 1 del Codice di diritto canonico, si legge nel comunicato stampa.


Il canone impone il minimo di una scomunica automatica a un “apostata della fede, eretico o scismatico”.


Sono note le sue dichiarazioni pubbliche in cui manifesta il rifiuto di riconoscere e sottomettersi al Sommo Pontefice, il suo rifiuto della comunione con i membri della Chiesa a lui soggetti, nonché della legittimità e dell'autorità magisteriale del Concilio Vaticano II. dichiarato.


La scomunica era ampiamente attesa dopo che Viganò si era rifiutato di presenziare al processo giudiziario il 20 giugno, annunciando con aria di sfida che considerava le accuse contro di lui “come un onore”, ha riferito Souls and Liberty .


Successivamente, il 28 giugno, festa dei Santi Apostoli Pietro e Paolo, Viganò rilasciò una seconda dichiarazione dichiarando: “Non riconosco l’autorità del tribunale che pretende di giudicarmi, né del suo Prefetto, né di colui che ha nominato lui."


“Questa mia decisione, certamente dolorosa, non è frutto di fretta o di spirito di ribellione; ma dettata piuttosto dalla necessità morale che come Vescovo e Successore degli Apostoli mi obbliga in coscienza a rendere testimonianza alla Verità, cioè a Dio stesso, a Nostro Signore Gesù Cristo”, ha aggiunto Viganò.


L'arcivescovo è stato sottoposto a un procedimento disciplinare accelerato, che viene utilizzato quando le prove raccolte durante un'indagine preliminare formale sono sufficientemente chiare, evitando così la necessità di un processo canonico completo.


«Presumo che la sentenza sia già pronta, trattandosi di un processo extragiudiziale», ha affermato Viganò nella sua risposta alle accuse del DDF, ribadendo che il Vaticano II rappresenta «il cancro ideologico, teologico, morale e liturgico di cui la “chiesa sinodale” bergogliana è la metastasi necessaria”.


"Non ho intenzione di sottopormi a un processo farsa in cui coloro che dovrebbero giudicarmi imparzialmente per difendere l'ortodossia cattolica sono allo stesso tempo coloro che accuso di eresia, tradimento e abuso di potere", ha sottolineato .


“E tra loro ci sono proprio i gesuiti, i primi fautori di tutte le deviazioni morali e dottrinali degli ultimi sessant’anni, a cominciare da James Martin, SJ, l’attivista LGBTQ+ assiduo frequentatore di Santa Marta”, ha aggiunto l’arcivescovo caduto in disgrazia.


Confrontandosi nella sua prima dichiarazione con l’arcivescovo Marcel Lefebvre, fondatore di San Pio X (FSSPX) – movimento tradizionalista scissionista – Viganò ha osservato che “cinquant’anni fa, in quello stesso Palazzo del Sant’Uffizio” Lefebvre “fu convocato e accusato di scisma per aver rifiutato il Vaticano II”.


“La sua difesa è mia; le sue parole sono mie; e i suoi argomenti sono i miei, argomenti davanti ai quali le autorità romane non potevano condannarlo per eresia, dovendo invece aspettare che consacrasse vescovi per avere il pretesto di dichiararlo scismatico e poi revocargli la scomunica quando era già morto», Egli ha detto.


A gennaio, diversi blog tradizionalisti, nonché il portale di notizie della Conferenza episcopale tedesca, avevano riferito che Viganò era stato riconsacrato vescovo condizionatamente nel 2023 dal vescovo inglese Richard Williamson, che era stato espulso dalla FSSPX.


Williamson, uno dei quattro vescovi ordinati da Lefebvre contro la volontà di Roma, è un noto antisemita e negatore dell'olocausto che è stato multato di 12.000 euro (16.870 dollari) da un tribunale distrettuale nella città di Ratisbona, nel sud della Germania, nel 2010.


L'arcivescovo Viganò è stato nominato nunzio apostolico negli Stati Uniti da Papa Benedetto XVI il 19 ottobre 2011, festa in memoria dei primi martiri nordamericani.


Nel 2018, Viganò ha scioccato il mondo denunciando l’ex cardinale Theodore McCarrick (che ha mediato l’accordo segreto del Vaticano con la Cina rossa) come un predatore omosessuale seriale. Ha anche elencato i nomi degli alti funzionari vaticani, tra cui il cardinale Pietro Parolin, segretario di Stato, che ha accusato di complicità nell'insabbiare i crimini di McCarrick.


Il dottor Jules Gomes, (BA, BD, MTh, PhD), ha un dottorato in studi biblici presso l'Università di Cambridge. Attualmente giornalista accreditato vaticano con sede a Roma, è autore di cinque libri e diversi articoli accademici. Gomes ha tenuto conferenze nei seminari e nelle università cattoliche e protestanti ed è stato canonico teologo e direttore artistico della cattedrale di Liverpool.


Per favore unitevi a noi nella preghiera e nella lotta per le Anime e la Libertà; inoltre, valuta la possibilità di fare una donazione per sostenere il nostro lavoro.

1 visualizzazione0 commenti

Commenti


bottom of page