top of page

Il Gay Pride di Roma prende in giro Francesco per le sue osservazioni “froci”.

Il Vaticano tace mentre Gesù bestemmiava nelle precedenti parate dell'orgoglio nella Città Eterna



Papa Francesco è stato l'obiettivo della marcia del Pride di Roma mentre decine di partecipanti hanno alzato striscioni deridendo il pontefice per i suoi recenti commenti sulla "frocio".

Uno dei principali manifestanti, divenuto al centro dell'attenzione dei media, ha imitato il papa vestendosi con una tonaca bianca e uno zucchetto papali, con una croce pettorale arcobaleno e una bandiera arcobaleno sulle spalle.

Tra le mani il manifestante ha alzato uno striscione con la scritta in italiano: “C'è troppa frociaggine in questo Pride”.


Diversi manifestanti portavano sagome di cartone a grandezza naturale di Papa Francesco con una ghirlanda arcobaleno al collo.


Un enorme carro di Europa+ ha dominato il corteo con lo slogan “Libera frociaggine in libero stato” (“Froci liberi in uno stato libero”), mentre centinaia di partecipanti LGBTQ+ cercavano di protestare, nonché di rivendicare una parola che Francesco ha usato due volte negli ultimi anni. mese.


I manifestanti hanno deriso l’ipocrisia della Chiesa per aver proibito le relazioni omosessuali, mentre anche il Papa ha riconosciuto che gli uomini gay sono dominanti nei seminari, nel sacerdozio e persino in Vaticano.


"Hai ragione, c'è davvero frocio ovunque, specialmente nei bagni e tra le lenzuola del Vaticano", si leggeva in un cartello.

«Oggi Roma è un fiume di froci, non solo nei suoi seminari», si legge in un altro dei tanti manifesti incentrati sul tema «Francesco e la froci».

I partecipanti hanno anche riconosciuto la Fiducia Supplicans, che consente ai sacerdoti di benedire le coppie omosessuali in contesti non liturgici; con uno spettatore che tiene in mano un cartello di un Francesco sorridente che dice semplicemente: "Benedico questo frocio".


Un’altra persona in piedi accanto al ritaglio di Francesco aveva un cartello che diceva: “Francy, sei la benvenuta nella nostra parrocchia”.


«Se secondo Vannacci la comunità LGBTQIA+ è minoritaria, lui non ha mai incontrato i seminaristi di Papa Francesco», si legge in un grande cartello, che fa riferimento al generale Roberto Vannacci che ha scritto "I gay non sono normali" nel suo recente libro "Il mondo sottosopra". Giù."


Francesco ha suscitato indignazione tra gli attivisti LGBTQ+ dopo aver usato la parola insultante durante una riunione a porte chiuse dell'assemblea generale della Conferenza Episcopale Italiana il 20 maggio.

“Guardate, c’è già un’aria di troppa frocizia in giro [nei seminari] che non va bene”, ha detto il pontefice ai vescovi italiani che sono pronti a pubblicare un nuovo documento che allenterà le restrizioni sull’ammissione degli omosessuali alla formazione al sacerdozio .

Intitolato “Ratio Formationis Sacerdotalis”, il documento è stato approvato durante una riunione della Conferenza Episcopale Italiana ad Assisi lo scorso novembre, con la maggioranza dei vescovi che ha votato a favore di un emendamento che distingue tra semplice orientamento omosessuale e “tendenze profondamente radicate”.


Il documento, mentre approva l'ingresso dei candidati nella prima categoria, vieta l'accesso alla formazione in seminario a uomini con tendenze omosessuali profondamente radicate. Tuttavia, il Vaticano non ha ancora approvato il documento.


La Sala Stampa della Santa Sede ha prontamente rilasciato delle rare scuse riconoscendo i commenti del papa, ma sottolineando che Francesco insiste da tempo che c'è “spazio per tutti” nella Chiesa cattolica.


"Il Papa non ha mai avuto intenzione di offendere o esprimersi in termini omofobi, e porge le sue scuse a coloro che si sono sentiti offesi dall'uso di un termine segnalato da altri", ha detto ai media il portavoce della Sala Stampa della Santa Sede, Matteo Bruni.


Tuttavia, Francesco ha ripetuto la parola gergale “frocio” l’11 giugno in un incontro a porte chiuse con circa 160 sacerdoti della diocesi di Roma presso la Pontificia Università Salesiana.


Francesco Langella, direttore della comunicazione dell'Università Pontificia Salesiana di Roma, dove si è svolto l'incontro, ha confermato che il papa ha ripetuto la parola italiana “frociaggine”.


Il quotidiano italiano Corriere della Sera ha riferito che il papa aveva usato il termine in un racconto citando le parole di un vescovo: "Un vescovo è venuto da me e mi ha detto: 'C'è troppa frociaggine qui in Vaticano'", riferiva il quotidiano. come ha detto il papa.

Il politico italiano Alessandro Zan, che ha tentato di approvare una legislazione favorevole alla LGBTQ+, ha allora scritto sui social media: “Non c'è troppa 'frociaggine'. Ci sono troppi omofobi”.

La Sala Stampa della Santa Sede ha affermato che il Papa “ha parlato del pericolo delle ideologie nella Chiesa ed è tornato sulla questione dell'ammissione nei seminari di persone con tendenze omosessuali, ribadendo la necessità di accoglierle e accompagnarle nella Chiesa e la prudenziale raccomandazione di il Dicastero per il Clero riguardo alla loro ammissione in seminario”.


Giorni dopo i suoi primi commenti sul “frocio”, il pontefice ha scritto un’e-mail all’ex seminarista Lorenzo Michele Noè Caruso, che aveva inviato un’e-mail a Francesco lamentandosi di essere stato espulso perché gay.


“Sono stato espulso dal seminario perché ho detto di essere gay. Volevo diventare prete, ma non mi è stato permesso", ha scritto Caruso a Francesco in una e-mail di tre pagine il 28 maggio, dopo aver letto i commenti riportati dal papa sui gay nei seminari.


Il 1 giugno Caruso ha ricevuto una risposta scritta a mano da Francis, che è stata scansionata e allegata all'e-mail che aveva inviato. “Grazie mille per la tua email”, ha scritto il papa.


“Gesù chiama tutti, tutti. Alcuni pensano alla Chiesa come a una dogana, e questo è un male. La Chiesa deve essere aperta a tutti. Fratello, vai avanti con la tua vocazione», ha risposto Francesco, rivolgendosi a Caruso come: «Caro, “Uno dei tanti semi della vigna del Signore”».


"È vero! Lo sai che il clericalismo è una piaga? È una brutta 'mondanità' e come ha detto un grande teologo, 'la mondanità è la cosa peggiore che possa capitare alla Chiesa, peggiore anche dell'epoca dei papi concubinari'», scrive Francesco citando il teologo Hans Urs von Balthasar.


«Vai avanti con la tua vocazione... Prego per te, per favore fallo per me (ne ho bisogno)», ha aggiunto Francesco.

Cattolici ed evangelici italiani hanno espresso profonda preoccupazione per il silenzio del Vaticano sull'esplicita e diffusa cristofobia mostrata dai partecipanti alla marcia LGBTQ+ negli ultimi anni.

Nel 2021, Rome Pride ha ritratto un attivista LGBTQ+ vestito da Gesù con indosso una minigonna e tacchi alti; un altro profanò Gesù indossando una corona di spine, dipingendo stimmate sui palmi e sui fianchi e drappeggiandosi con una bandiera arcobaleno.


«Ma Papa Francesco non ha niente da dire?» Si sono chiesti i cattolici su Twitter, quando su un muro vicino al Vaticano è apparso un murale di due guardie svizzere vaticane omosessuali che si baciano.


Un altro attivista gay sfilava nei panni di Gesù con le stimmate a forma di cuore, e portava una croce su cui era scritto: “Ama il prossimo tuo come te stesso” (ama il tuo prossimo come te stesso).


Il corteo LGBTQ+ ha anche deriso il papa con un omosessuale che indossava un abito da monaco e una maschera di Papa Francesco. Si è sentita la folla gridare slogan volgari e prendersi gioco del pontefice e dei suoi “cardinali rosa”.


Uno slogan frequente che prende in giro il papa gioca sulla coppia di parole “Orgoglio-Bergoglio”. “Orgoglio” è la parola italiana per “orgoglio”. Lo striscione principale della manifestazione recava lo slogan per il 2021 “Orgoglio e Ostentazione”.


Simili scene blasfeme sono state rappresentate al Pride Parade di Milano, con peni raffigurati sulla “croce arcobaleno” portata da un “Gesù transgender”.


Il dottor Jules Gomes, (BA, BD, MTh, PhD), ha un dottorato in studi biblici presso l'Università di Cambridge. Attualmente giornalista accreditato vaticano con sede a Roma, è autore di cinque libri e diversi articoli accademici. Gomes ha tenuto conferenze nei seminari e nelle università cattoliche e protestanti ed è stato canonico teologo e direttore artistico della cattedrale di Liverpool.


Per sostenere articoli come questo, considera una donazione a Souls and Liberty .

16 visualizzazioni0 commenti

Comments


bottom of page