top of page

Papa Francesco mette in guardia i vescovi dalla “troppa frode” nei seminari

Il Vaticano invita la 'drag queen' italiana ad esibirsi per i bambini in occasione della Giornata mondiale dell'infanzia

 

Papa Francesco è stato costretto a chiedere scusa per aver usato la parola “frocio” per ordinare ai vescovi italiani di vietare ai candidati omosessuali l’ammissione nei seminari, dopo aver scatenato una tempesta mediatica.

 

“Guardate, c’è già un’aria di troppa frocizia in giro [nei seminari] che non va bene”, avrebbe detto il pontefice durante una riunione di 90 minuti a porte chiuse dell’assemblea generale della Conferenza Episcopale Italiana lo scorso maggio. 20.

 

Anche se gli omosessuali vanno rispettati, «chi ha un orientamento omosessuale farebbe meglio a non essere accettato [in seminario]», ha sottolineato Francesco, senza fare distinzione tra orientamento omosessuale e omosessuali attivi.


Martedì, il portavoce della Sala Stampa della Santa Sede, Matteo Bruni, ha rilasciato una dichiarazione in cui riconosce i commenti del papa, sottolineando che Francesco insiste da tempo che c'è “spazio per tutti” nella Chiesa cattolica.


“Il Papa non ha mai avuto intenzione di offendere o esprimersi in termini omofobici, e porge le sue scuse a coloro che si sono sentiti offesi dall’uso di un termine riportato da altri”, ha detto Bruni.

 

Alcuni vescovi che hanno parlato in condizione di anonimato con il quotidiano italiano Corriere della Sera hanno affermato che le osservazioni sono state accolte con “risate incredule”, poiché sono state interpretate come un errore onesto da Francesco, per il quale l’italiano è una seconda lingua.

 

Altre fonti, tuttavia, hanno notato che i commenti estemporanei del papa sono stati accolti con “silenzio stupito” e imbarazzo. Alcuni vescovi hanno difeso il papa dicendo che forse non sapeva che la parola “frociaggine” oggi è considerata offensiva.

 

Francesco Lepore, un ex sacerdote che ora è un attivista per i diritti dei gay, ha detto al quotidiano italiano La Repubblica di essere rimasto “sbalordito” dai commenti del pontefice agli oltre 200 vescovi riuniti nella vecchia aula del sinodo del Vaticano.

 

«Nonostante sia ormai abituato al tipo di linguaggio diretto di Bergoglio, parlare di frocio nei seminari sembra più da bar e da osteria che da pontefice», ha detto Lepore.

 

“Il Papa ha ragione quando dice che il numero di seminaristi e chierici omosessuali è molto alto. Ma la semplicità del linguaggio non ha nulla a che vedere con la volgarità”, ha aggiunto.

 

Tuttavia, Catholic Sat, un blog mediatico conservatore, ha sottolineato che “Il papa sapeva che la parola era offensiva e l’ha usata per bloccare i ripetuti tentativi dei vescovi italiani [sic] di cambiare le regole e consentire agli omosessuali di entrare in seminario”.

 

"Secondo i miei calcoli, il Papa ha usato almeno sei diversi insulti omofobici in più occasioni nel corso del suo pontificato per descrivere omosessuali e trad", ha twittato il quotidiano.

 

Mentre i commenti del papa hanno deliziato conservatori e tradizionalisti, i cattolici liberali stanno rispondendo con shock e imbarazzo. La famosa risposta di Francesco è “Chi sono io per giudicare?” quando gli è stato chiesto di una “lobby gay” in Vaticano durante il viaggio di ritorno dalla Giornata Mondiale della Gioventù a Rio de Janeiro nel 2013.

 

I media italiani hanno riferito che Francesco si riferiva ad un nuovo documento in discussione tra i vescovi italiani riguardante l'ammissione degli omosessuali alla formazione al sacerdozio.

 

Intitolato “Ratio Formationis Sacerdotalis”, il documento è stato approvato durante una riunione della Conferenza Episcopale Italiana ad Assisi lo scorso novembre, con la maggioranza dei vescovi che ha votato a favore di un emendamento che distingue tra semplice orientamento omosessuale e “tendenze profondamente radicate”.

 

Il documento, mentre approva l'ingresso dei candidati nella prima categoria, vieta l'accesso alla formazione in seminario a uomini con tendenze omosessuali profondamente radicate. Tuttavia, il Vaticano non ha ancora approvato il documento.

 

Secondo il Corriere della Sera , ciò significherebbe “che una persona omosessuale potrebbe essere ammessa in seminario se, come l’eterosessuale, desse garanzia di saper vivere la disciplina del celibato”.

 

"Il sottinteso è che per gli omosessuali sarà più difficile perché vivranno per molti anni in una comunità esclusivamente maschile", spiega il quotidiano italiano.

 

I liberali hanno affermato che il pontefice stava semplicemente ribadendo la posizione ufficiale del Vaticano sulla questione.

 

Nel 1961, Papa Giovanni XXIII pubblicò la sua “Istruzione sull’attenta selezione e formazione dei candidati agli stati di perfezione e agli ordini sacri” affermando:

 

“A coloro che sono affetti da cattive tendenze all’omosessualità o alla pederastia deve essere precluso il vantaggio dei voti religiosi e dell’ordinazione, poiché per essi la vita comune e il ministero sacerdotale costituirebbero gravi pericoli”.

 

Nel 2005, la Congregazione per l'Educazione Cattolica del Vaticano ha dato seguito ad una “Istruzione sui criteri di discernimento vocazionale nei confronti delle persone con tendenze omosessuali in vista della loro ammissione al Seminario e agli Ordini sacri”.

 

Nel documento si osserva che i vescovi o i superiori religiosi “non possono ammettere al seminario o agli ordini sacri coloro che praticano l'omosessualità, presentano tendenze omosessuali profondamente radicate o sostengono la cosiddetta 'cultura gay'”.

 

Tuttavia, ha fatto una concessione per gli uomini “alle prese con tendenze omosessuali che erano solo l’espressione di un problema transitorio – per esempio, quello di un’adolescenza non ancora superata”.

 

“Tuttavia tali tendenze devono essere chiaramente superate almeno tre anni prima dell'ordinazione diaconale”, si legge nella sentenza.

 

Nel frattempo, i cattolici esprimono shock dopo che la “drag queen” Carmine De Rosa è stata invitata ad esibirsi durante la prima Giornata Mondiale dell'Infanzia di Papa Francesco, il 25 maggio allo Stadio Olimpico di Roma.

 

Indossando un abito rosa con una profonda scollatura, il salernitano, vestito da donna, indossava molteplici abiti da trascinamento e utilizzava anche suggestivi costumi di cartone.

 

Scrivendo su TikTok, la performer ha affermato che “portare sorrisi ai bambini e non solo era il mio compito e ci sono riuscita”.

 

“Ci tengo a precisare, leggendo i commenti, che sono stato VOLUTO a questo evento PER IL TIPO DI SPETTACOLO CHE PORTO IN SCENA e per professionalità…Ma semplicemente difendo la MIA ARTE”, ha scritto.

 

Il Papa ha incontrato i bambini allo Stadio Olimpico e domenica ha presieduto la Santa Messa della Domenica della Trinità in Piazza San Pietro, dove le chierichette hanno assistito per la prima volta alla celebrazione in una Messa vaticana.

 

Il dottor Jules Gomes, (BA, BD, MTh, PhD), ha un dottorato in studi biblici presso l'Università di Cambridge. Attualmente giornalista accreditato vaticano con sede a Roma, è autore di cinque libri e diversi articoli accademici. Gomes ha tenuto conferenze nei seminari e nelle università cattoliche e protestanti ed è stato canonico teologo e direttore artistico della cattedrale di Liverpool.


Per sostenere articoli come questo, considera una donazione a Souls and Liberty.

1 visualizzazione0 commenti

Comments


bottom of page